Il mercato del packaging per la vendita al dettaglio (il cosiddetto RRP Ready-Retail Packaging che comprende carta e plastica) è destinato a crescere del 4% all’anno entro il 2021, per un volume di 39 milioni di ton e un fatturato di 82 miliardi di dollari (contro i quasi 63 del 2015). Questi i dati contenuti in un recente studio di Smithers Rapra.
Il fattore comune sotteso a tale incremento è l’esigenza di imballaggi meno ingombranti, d’altronde “smaller” sembra essere la parola d’ordine oggi: nuclei famigliari più piccoli, spazi più piccoli (sia per le abitazioni sia per i negozi), confezioni più piccole e, infine, costi più contenuti.
Tutto ciò sta spingendo la richiesta di RPP a livello mondiale.
Considerando la geografia della domanda emerge il primato del Medio Oriente, che nel 2016 ha totalizzato un giro d’affari di 2,26 miliardi di dollari (circa il 3% del valore dell’intero mercato) in rialzo fino a 2,64 nel 2021.
Dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, progressi si intravedono in termini di velocità del processo produttivo, mentre per quanto concerne il settore applicativo si sottolinea un soprasso dei cibi surgelati o refrigerati rispetto al tradizionale fresco.