L’Associazione dei produttori europei di PU espanso flessibile, in occasione della propria annuale conferenza svoltasi lo scorso giugno a Milano, ha reso noti alcuni dati sul mercato settoriale.
Nel 2016 la produzione europea ha registrato un incremento del 12,6% raggiungendo un volume di 967.000 ton (858.000 nel 2015). In testa la Polonia, con 205.000 ton, e la Turchia, con 136.000, che rappresentano rispettivamente il 19,7% e il 13,1% del totale.
L’Italia copre poco più del 10% della quantità prodotta con circa 100.000 ton, pur essendo al primo posto per qualità e innovazione.
Alla conferenza per il nostro Paese ha partecipato AIPEF-Associazione Italiana Produttori di Espansi Flessibili che rappresenta oltre il 70% delle aziende del comparto, con una produzione annuale di oltre 70.000 ton e un fatturato di 240 milioni di euro.
A testimonianza dell’elevata capacità di innovazione dei produttori italiani, vale la pena sottolineare che ciascuna azienda riesce a produrre circa 150 tipologie di prodotti diversi.