UniCredit propone varie misure per imprese e famiglie per contribuire a far fronte all’emergenza Covid-19.
Queste, in sintesi, le principali iniziative in essere per le imprese:

  • Decreto Legge 17 marzo 2020 “Cura Italia” (art. 56 e art. 49) – MPMI Micro, Piccola e Media Impresa con sede in Italia
    • per i mutui ed i finanziamenti a rimborso rateale, il pagamento della rate o dei canoni di leasing in scadenza sino al 30 settembre 2020 è sospeso sino a detta data, con facoltà di dette imprese di richiedere la sospensione per la sola quota di capitale
    • per i prestiti non rateali con scadenza antecedente al 30 settembre 2020, i contratti sono prorogati sino a detta data alle medesime condizioni
    • per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati sino alla data del 30 settembre 2020
    • possibilità di richiedere finanziamenti aggiuntivi, pari ad almeno il 10% dell'utilizzato in essere, attraverso la rinegoziazione e/o il consolidamento del debito e con la garanzia del Fondo Centrale di Garanzia.
  • Addendum 6 marzo 2020 all’Accordo per il Credito 2019, Associazione Bancaria Italiana (“Moratoria ABI”) – MPMI Micro, Piccola e Media Impresa con sede in Italia

Le MPMI posso richiedere, ferma la valutazione della banca sull’effettivo danno subito:

    • finanziamenti rateali in essere alla data del 31 gennaio 2020: sospensione delle rate, per la sola quota capitale, fino a massimi 12 mesi
    • credito a breve termine: proroga sino a massimi 270 giorni
  • per tutte le altre imprese non coperte dal Decreto “Cura Italia” o dalla “Moratoria ABI” potranno essere valutate le seguenti misure:
    • finanziamenti rateali in essere alla data del 31 gennaio 2020: sospensione delle rate, per la sola quota capitale per 3-6 mesi, con possibilità di proroga fino a un massimo di 12 mesi
    • anticipi import in scadenza: proroga sino a massimi 120 giorni
    • nuove linee temporanee di liquidità con durata massima a 6 mesi.