Un recente studio pubblicato da AMI Consulting esamina l'industria dell'imballaggio a parete sottile a livello mondiale, analizzandone potenziale di sviluppo, dinamiche di crescita, driver di mercato ecc.

Gli imballaggi a parete sottile (TWP - Thin Wall Packaging) rappresentano il 12% della produzione globale di packaging, stimata in 18 milioni di ton. Si tratta di un mercato consolidato in Europa e nell’area NAFTA, meno nel resto del mondo (dove agiscono fattori socio-economici diversi che influiscono sulla sua diffusione).

Spinto dalla domanda dei consumatori di soluzioni sempre più attraenti e funzionali, l'imballaggio a pareti sottili sta prendendo piede vista anche la crescente diffusione dei cibi d'asporto in monoporzione. Sotto questo punto di vista lo sviluppo tecnologico fa passi da gigante.

A livello geografico, il mercato internazionale di imballaggi TWP è altamente frammentato, con i primi 25 produttori in tutto il mondo che rappresentano solo il 25% dell'offerta.

L'area NAFTA rappresenta il mercato più maturo; qui hanno sede le principali 10 aziende che rappresentano il 56% della produzione, mentre in Asia le prime 10 aziende detengono solo il 3%.