Sebbene il documento non sia inteso ad avere effetti giuridici vincolanti, il Consiglio UE esprime una chiara posizione politica sull’impronta della ripresa economica che dovrà essere “green” e “circolare”.