Con Ordinanza 29 aprile 2021 il Ministero della Salute ha prorogato tal quali senza novità di rilievo le disposizioni della precedente Ordinanza del 16 aprile scorso in scadenza di validità.