Disponibile l'indagine congiunturale di CONFINDUSTRIA di ​maggio. 
L’Italia inizia il lungo sentiero stretto di risalita dopo la crisi, con il PIL avviato sulla buona strada.
L’industria è solida e la produzione continua ad andare avanti, mentre qualcosa si muove anche nei servizi con i primi segnali positivi dalle riaperture. I consumi sono deboli ma vicini alla svolta, l’inflazione resta ancora bassa, così come i tassi di interesse. C’è creazione di lavoro, i dati sono positivi per gli investimenti e l’export è in salute.
Gli scambi mondiali sono robusti ma continuano a rincarare le commodity non energetiche.
Nell’Eurozona si assiste al risveglio dei servizi mentre la fiducia è sempre più alta negli Stati Uniti.