In base a uno studio di Markets and Markets, il mercato globale degli espansi poliuretanici dovrebbe crescere a un tasso medio annuo del 7,5% fino al 2025.
Il valore del comparto potrebbe quindi superare i 54 miliardi di dollari, grazie soprattutto al forte sviluppo di applicazioni quali il bedding e l’imbottito in generale, l’elettronica, l’automotive e l’edilizia (quest’ultima in funzione della crescente domanda per l’isolamento termico degli edifici), in primo luogo in primari mercati come India e Tailandia.
La crisi pandemica, soprattutto nella prima metà del 2020, aveva creato gravi effetti sulla catena del PU: il fermo delle attività edilizie, il taglio della produzione di auto, arredi e altri manufatti contenenti espansi avevano determinato un crollo della domanda di materiale ma la ripresa si è concretizzata sul finire del 2020, in primo luogo in Cina, ed è proseguita nel 2021.