Disponibile il documento elaborato dall'UNCTAD-Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, che contiene spunti sul trend degli investimenti mondiali nelle varie aree geografiche, con un'analisi delle ricadute che gli investimenti producono a livello economico, tecnologico, sociale ecc..
Dopo la decisa crescita registrata nel 2021, lo scorso anno gli investimenti diretti stranieri a livello globale sono diminuiti del 12%, fermandosi a 1,3 triliardi di dollari. Il rallentamento – causato dal sovrapporsi delle criticità che hanno caratterizzato il contesto politico, sociale ed economico internazionale – ha fatto sentire i suoi effetti soprattutto nei Paesi avanzati, dove i flussi si sono contratti del 37%; al contrario, le economie emergenti hanno registrato una progressione del 4%, a fronte di un ripiego verificatosi nelle aree in via di sviluppo.